LA FILIERA PRODUTTIVA

Come nascono le nostre gallette

1) La semina e le cure culturali

Nei primi dieci giorni di aprile, quando si riduce il rischio di gelate, seminiamo il grano saraceno e il mais. Il mais coltivato è frutto della selezione di varietà recuperate e rivalorizzate per gusto e proprietà organolettiche di eccellenza. Ogni anno coltiviamo in un campo diverso a beneficio del terreno perché la rotazione consente di preservare la fertilità. Per prevenire l’insorgenza di piante infestanti nel grano saraceno, abbiamo introdotto l’antica tecnica delle false semine. 

2) I controlli, la raccolta
e la pre-pulitura

Controlliamo le materie prime in ogni fase produttiva. In campo sono rilevati tutti i parametri necessari a valutare la sanità del raccolto, ad esempio l’umidità. Quando il mais è fisiologicamente maturo, ne raccogliamo le granelle. Per il grano saraceno invece occorre attendere quando, sulla pianta, sono maturi il 70% dei frutti. Dopo il raccolto, le granelle vengono sottoposte a pre-pulitura per eliminare le impurità grossolane.

3) l'essiccazione

Il processo di essiccazione è molto importante perché porta l’umidità delle granelle a un valore consono alla conservazione e quindi allo stoccaggio. Realizziamo questo trattamento in azienda utilizzando un essiccatoio ecologico adatto anche alle granelle biologiche perché non lascia residui tossici di combustione durante l’essiccazione. Abbiamo messo a punto un trattamento il più possibile rispettoso delle granelle, come se fossero essiccate al sole dell’aia (metodo che si usava una volta).

4) Lo stoccaggio

Lo stoccaggio delle granelle avviene subito dopo l’essiccazione. L’immediatezza è fondamentale per mantenere le granelle sane. A loro protezione, adoperiamo sistemi biologici di controllo dei parassiti.

5) La trasformazione

I cereali sono trasformati in azienda attraverso un processo molto semplice: vengono scoppiati rigorosamente a chicco intero, preservando il più possibile le caratteristiche nutrizionali. Il processo di scoppio dei chicchi avviene con macchine innovative che danno la forma tonda classica alle gallette. Dopo controlli di qualità e peso, le gallette vengono confezionate calde. La cernita e l’impacchettamento finale è rigorosamente fatto a mano.

6) I controlli, la vendita,
la circolarità

Prima della messa in commercio le gallette sono controllate sotto metaldetector e periodicamente con campionamenti ed analisi certificate. Sono quindi pronte per la vendita. I nostri prodotti si trovano nelle gastronomie, nei negozi biologici specializzati, nei supermercati. Le gallette non confezionabili per ragioni estetiche ed altro sono riutilizzate come alimento zootecnico dalle aziende limitrofe. Questo ci consente di terminare il ciclo produttivo senza sprechi, ottimizzando al meglio l’uso delle risorse